15 mag

Il concerto 15 maggio ore 16

Sogno o follia? L’amore shakespeariano in musica
………………………………….
Paola Barbieri Anna Maria Bordin
Pianoforte a 4 mani
……………………….
Programma
L.v. Beethoven (1770-1827): Ouverture dal Coriolano op. 42
arrangiamento per pianoforte a 4 mani di H. Ulrich.
F. Mendelsshon (1809-1847): Ouverture dal Sogno di una notte di mezza estate arrangiamento autografo.
F. Liszt (1811-1886): Hamlet, Poema Sinfonico, arrangiamento autografo.
P. Tchaikovsky (1840-1893): Romeo e Giulietta, Ouverture-Fantaisie
trascrizione autografa.

PAOLA BARBIERI: Diplomata in pianoforte e clavicembalo presso il Conservatorio Statale di Musica “N. Paganini” di Genova, ha affiancato agli studi musicali quelli umanistici laureandosi in lettere col massimo dei voti. Ha successivamente conseguito il biennio specialistico in pianoforte – indirizzo maestro accompagnatore e collaboratore – con la votazione di 110/110 e lode e il biennio specialistico in clavicembalo e tastiere storiche presso il Conservatorio Statale di Musica “A. Vivaldi” di Alessandria, dove ha compiuto anche studi di organo e composizione. Segue ancora oggi corsi di perfezionamento, lezioni e seminari, prediligendo il repertorio barocco e quello classico e annoverando tra i docenti Bart van Oort, Bob van Asperen, Emilia Fadini, Fabio Bonizzoni, Barbara Petrucci, Edoardo Bellotti, Massimo Lonardi, Ugo Nastrucci, Claudia Vignani, Laila Mancino, Francesca Lanfranco, Luca Franco Ferrari, Massimiliano Baggio, Cristina Frosini, Paola Mariotti, Natale de Carolis, Paolo Ferrara, Giacomo Fuga.
Ha vinto diversi concorsi musicali come solista, in duo con la sorella Emanuela, violinista, e in duo pianistico a quattro mani con Fabio Delfini. Chiamata a partecipare a importanti Rassegne e Stagioni concertistiche, tiene regolarmente numerosi concerti come solista e in formazioni da camera, alternandosi al pianoforte, al clavicembalo e all’organo, in Italia e all’estero .Attiva in campo teatrale, è stata Maestro accompagnatore al pianoforte per l’As.Li.Co, per il Conservatorio “A.Vivaldi” di Alessandria e per il Teatro “G. Fraschini” di Pavia, dove ha collaborato per la prima rappresentazione di lavori contemporanei inediti. Ha al suo attivo 2 incisioni per Sony e Amadeus sull’opera sacra di Giacomo Antonio Perti e Baldassarre Galuppi come maestro collaboratore dell’Arion Choir (ora Ghislieri Choir) diretto da Giulio Prandi, gruppo per cui lavora dalla fondazione e per il quale ha avuto modo di suonare diretta da Nicholas Mc Gegan, Yuval Ben Ozer e Francesco Ommassini, praticando un vasto repertorio. Attiva nell’insegnamento a partire dal 1994, dal dicembre 2005 è accompagnatore al pianoforte presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “F. Vittadini” di Pavia, dove tiene regolarmente corsi e seminari.
ANNA MARIA BORDIN: torinese, ha seguito gli studi musicali al Conservatorio Giuseppe Verdi della sua città. Maria Golia, Maria Gachet, Massimiliano Damerini, Daniela Ghigino e Franco Scala sono stati i suoi riferimenti pianistici più importanti in Italia. Ha completato gli studi alla Musik-Akademie di Basilea sotto la guida di Rudolf Buchbinder, conseguendo il Diploma di Concertismo col massimo dei voti.
Ha svolto attività concertistica da solista e in formazioni cameristiche in Italia, Francia, Belgio, Spagna, Svizzera e Tunisia. Ha lavorato per la RAI italiana e la Radio belga (BRT). Dagli anni novanta si occupa intensamente di didattica pianistica: qualificata “Specialista in Didattica del Pianoforte” all’Accademia Pianistica di Imola, è attualmente docente di Pianoforte al Conservatorio Niccolò Paganini di Genova, dove dirige il Dipartimento di Ricerca. Nell’ambito dell’ampia attività di sperimentazione e ricerca sulla didattica musicale e pianistica, dal 2001 al 2005 ha progettato e diretto per l’Assessorato all’Istruzione della Provincia di Torino i Laboratori Musicali del Centro Servizi Didattici; ha fondato e diretto nel 2005 il Laboratorio Sperimentale per la Ricerca e la Didattica Musicale per la Sindrome di Williams a Torino, e ha progettato e diretto per l’ISSM Vittadini di Pavia un percorso didattico sperimentale per la formazione pianistica di un savant musicale autistico e ipovedente, in collaborazione col Dipartimento di Scienze Sanitarie Applicate della Facoltà di Medicina di Pavia e con l’Università di Londra.
È autrice di Quando la musica supera i confini…(Daniela Piazza Editore) dove ha documentato gli inizi dell’esperienza con il giovane pianista autistico, e di Nel segno e nel suono sull’esperienza didattica di base (Michele Falco Editore). Docente nel Master di Psicologia della Musica della Facoltà di Psicologia dell’Università di Pavia (2011/2014) e nel Corso di Perfezionamento in Terapeutica Artistica dell’Accademia d’Arte di Brera, ha esposto il proprio lavoro nell’ambito della ricerca pedagogica e didattica in congressi e pubblicazioni in gran parte internazionali.

Print Friendly